scorpione

Per prima cosa, lo Scorpione è intelligente. Metto al primo posto questa caratteristica perché l’aspetto cerebrale caratterizza tantissimo il segno ed è la premessa fondamentale di tutte le qualità successive, che lo rendono il famelico e magnetico segno che tutti conosciamo. Senza questa intelligenza dietro, senza questo spessore, le sue caratteristiche sarebbero probabilmente estremismi socialmente inaccettabili, anziché preziose espressioni di un’interiorità ricca e profonda.

La mente dello Scorpione è acuta, perspicace, rapida, curiosa. In quanto segno d’acqua, ha uno speciale dono per l’intuizione e possiede la capacità di captare un evento o un’emozione semplicemente fiutandola nell’aria o sentendola nella pelle. Tutto questo è reso ancora più intenso dai poteri di Mercurio, pianeta del ragionamento, che nello Scorpione si trova esaltato. Ricorderete che quando un pianeta è esaltato vuol dire che in un dato segno esso strafà, che la sua energia non trova ostacoli e si esprime in modo intensissimo e quindi spesso eccessivo. Mercurio, domiciliato in Vergine e in Gemelli, trova nello Scorpione il segno ideale per estremizzare la sua pulsione cerebrale, rendendo i nativi del segno dei veri stra-pensatori, dei compulsivi del pensiero.

Ecco che l’intelligenza diventa scandaglio indagatore e l’acume si trasforma in rovello ossessivo. Lo Scorpione ha sempre un’ossessione con sé, si potrebbe dire che “se ne prende cura” come si fa con un animale domestico, gli dà da mangiare più volte al giorno, se la tiene accanto sul divano davanti alla tv, fa ruotare la sua vita intorno ad essa. Ossessioni alimentari, ossessioni legate al potere, ossessioni erotiche o professionali possono condizionare l’intera esistenza di un Scorpione, espressione di un’esigenza di controllo della realtà che corrisponde a sua volta al bisogno di tenere a bada una materia incandescente, un’interiorità da domare costantemente con la forza della mente.

Il pianeta che trasforma tutto questo pensare in magma ribollente è Plutone, signore del segno (domicilio). Plutone è uno strano pianeta, da una parte c’è dibattito intorno al fatto che lo sia davvero, dall’altro è innegabile che sia il più lontano dal Sole e sia dunque privato di quel fondamentale contributo di luce e positività che è la grande mancanza del segno. Plutone è il pianeta del profondo, della morte e dell’inconscio, di riflesso il mondo dello Scorpione è difficile, complesso, fondamentale oscuro. Intriso nell’archetipo del segno c’è il concetto di lotta, di superamento della sfida e di morte, intesa come fine di un assetto energetico e inizio di un nuovo ciclo. Richiamando la parabola del grano che sempre ci accompagna in questi articoli di approfondimento, vediamo sotto il segno dello Scorpione il chicco del grano affondare nel terreno, sprofondare sottoterra, come sepolto, in attesa di una nuova germinazione e di un nuovo inizio.

Rispetto agli altri grandi forti dello zodiaco (segni fissi come Toro e Leone), lo Scorpione non è maestro di leadership – perché non ama esporsi – né di resistenza – perché non è troppo paziente – ma esprime la sua forza nel coraggio di guardare in faccia i più terribili mostri e nel tuffarsi in quell’abisso nero che pochi osano avvicinare. È proprio lì sotto, invece, a contatto con emozioni urticanti e vischiose, nascoste e spaventose, che lo Scorpione va ad attingere per rigenerare la sua forza. Ecco che nei momenti più drammaticamente spietati dell’esistenza, lo Scorpione tira fuori il meglio di sé, come se traesse dal peggio della vita la sua migliore energia, come se quel plasma nero gli fosse necessario per riattivare il suo circuito energetico. La persona si chiude nel suo dolore, del quale si ammanta e si ciba per periodi di tempo che solo lui può determinare, per poi ritornare al mondo con i tagli guariti, le cicatrici cautelate, la resistenza rinnovata. Per questo, lo Scorpione è spesso associato all’uccello magico della fenice, che muore e risorge dalle proprie ceneri, dalle lacrime taumaturgiche, in grado di guarire i propri stessi feroci mali.

Viene da sé che in tutto questo ciclo di morte e trasfigurazione, questa parabola incessante di tenebra e luce, lo Scorpione non sia un segno facile da amare, a meno di non assecondare senza contestazioni le sue naturali ciclicità. Del resto, non c’è altro da fare. A meno di non voler vedersela con l’altro signore del segno ossia Marte, che attiverebbe tutte le sue doti di pianeta dell’affermazione, dell’aggressività e del conflitto per difendere il nativo. Lo Scorpione sa essere infatti feroce nella difesa dei suoi sistemi di pensiero e dei suoi spazi vitali. Se provocato, se spinto a uscire dalla sua roccia, se forzato a prendere una direzione che non vuole, lo Scorpione attacca, sfoderando armi tra le più affilate delle zodiaco. Se tradito, se ferito nel profondo, se disconosciuto nel suo ruolo, lo Scorpione uccide , usando tutto ciò che sa della vittima per annientarla in un gioco pre-meditato che prende il sapore della famosa vendetta del segno. Perdonare gli è difficile, perché il dono del suo amore è così raro e profondo che non può tollerare che vada perduto, così come non può tollerare che qualcun altro sia stato più astuto di lui nella manipolazione dei sentimenti, deriva di cui lui può essere maestro.

Con Marte in domicilio (a meno di particolare lesioni nel tema), lo Scorpione tende ad avere successo e a vivere secondo le sue regole, contando solo su stesso e sulla fedeltà di pochi eletti. Si afferma in modo naturale, senza gridarlo al mondo; non lo fa con la platealità del Leone, né con la fredda costanza del Capricorno, agisce piuttosto in segreto, mostrando il risultato finale piuttosto che la genesi di una strategia che ha creato, perfezionato e monitorato nel tempo, programmando ma anche improvvisando, sull’onda di un’istintualità che pure caratterizza fortemente il segno. L’elemento del brivido, infatti, dell’adrenalina dell’ultimo secondo è in linea con i tratti di un segno che ricerca un’atmosfera di forte intensità emotiva intorno a sé. Lo Scorpione non sa che farsene di serenità e malinconia, per citare due sentimenti dolcemente tiepidi, ai quali preferirà, per proseguire il parallelismo, ebbrezza e disperazione. Le tinte forti caratterizzano tutto il suo mondo, del quale veramente poco è dato conoscere all’esterno. La mente e soprattutto il cuore dello Scorpione sono scrigni quasi inaccessibili, a volte poco frequentati anche dai nativi stessi, che tendono ad avere nei confronti del sentimento un senso di pudore, di distacco precauzionale. Di fatto, tutto quello che accade dentro a uno Scorpione quasi sempre resta dentro a uno Scorpione e se mai egli vi mostrerà il suo lato debole, state certi che ne ha un altro ancora più segreto che non vi ha svelato.

Con estrema selettività, con profondo trasporto, con lealtà, lo Scorpione può amare. Sembra incredibile, dopo aver detto tutto questo, ma lo Scorpione può essere un partner appassionato, coinvolto e anche fedele se il partner e la relazione lo meritano. Non metterà mai il compagno nella condizione di sentirsi troppo importante né si lascerà rammollire da romanticherie e sentimentalismi. Ma metterà a disposizione la sua forza e il suo coraggio per sostenere il partner nella vita, gli donerà senza riserve la sua passione, anche in senso erotico, condividendo le straordinarie abilità della sua mente, a cominciare dalla capacità di trovare soluzioni e di reagire alle più estreme condizioni esistenziali. Tenere il suo passo non è sempre facile, superare la diffidenza e le prove di merito che continuamente pone sul cammino del partner neppure, ma se il vostro legame è degno della sua lealtà, lo Scorpione non vi abbandonerà nel momento del bisogno né scambierà la profondità del suo sentimento per inseguire effimere distrazioni. In ultimo, non possiamo non citare il binomio Scorpione/sesso, fin troppo noto e frainteso, che vede parlare dei nativi del segno come di grandiosi campioni a letto. È certamente vero che lo Scorpione è un segno passionale e caldo ma è ancora più vero che il segno vive una particolare assonanza con l’argomento sesso, che non è quasi mai un argomento neutro per la persona ma sempre un tema “caldo”, attorno al quale si addensano emozioni contrastanti, sia che si tratti di maniaci dell’erotismo che di strenui promotori della castità.


Hai visto le shopper astrologiche dedicate al segno?

cuscino astrologico dello Scorpione

compila il form per avere informazioni su questi articoli